Spese sanitarie tracciabili dal 2020

Obbligatoria la tracciabilità dei pagamenti per ottenere le detrazioni fiscali

Pietro Bianco

Il Responsabile Societario e Tributario

spese_mediche2020

Cambiano da quest’anno le modalità di pagamento delle prestazioni e i criteri per poter beneficiare delle detrazioni fiscali 2020 per le spese mediche

Da gennaio, infatti, per poter ottenere le detrazioni IRPEF del 19% previste per le prestazioni sanitarie (indicate nel TUIR – Testo unico delle imposte sui redditi), è necessario effettuare i pagamenti esclusivamente con modalità tracciabili: bonifico bancario o postale, bancomat, carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari. 

Chi può beneficiare delle detrazioni

La legge di bilancio 2020 introduce alcune novità anche per i parametri in base ai quali poter avere accesso o meno alle detrazioni fiscali.

A partire dal 1° gennaio, le detrazioni spettano per:

  • l’intero importo della spesa sostenuta, se il reddito complessivo non supera i 120 mila euro;
  • la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 240 mila euro, diminuito del reddito complessivo e 120 mila euro, qualora il reddito complessivo superi i 120 mila euro.

Detta in parole semplici, fino all’anno 2019 le detrazioni erano fisse, indipendentemente dal reddito. Dal 2020 cambiano le regole e le detrazioni si riducono, fino all’imponibile di 240 mila euro annui. Per redditi superiori a 240 mila euro le detrazioni per spese mediche non spettano.

Pietro Bianco

Il Responsabile Societario e Tributario

Condividilo sui social!