Affitto botteghe e negozi, agevolazione del 60%
Credito d'imposta con modello F24 sui canoni del mese di marzo 2020

Pietro Bianco

Il Responsabile Societario e Tributario

sconto_affitti_marzo

Uno sconto del 60% sui canoni di locazione di botteghe e negozi per il mese di marzo 2020. É una delle misure previste dal decreto legge “Cura Italia” del 17 marzo, che punta a dare una boccata d’ossigeno alle imprese duramente colpite da questa emergenza sanitaria ed economica.

Nello specifico, l’articolo 65 prevede un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione relativo al mese di marzo 2020, per gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1.

Il credito potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione tramite modello F24, a partire dal 25 marzo 2020.

Attenzione alle attività escluse

Di fatto rimangono molte le imprese escluse dal provvedimento. In particolare, non potranno beneficiare del credito d’imposta del 60% tutte le attività riportate negli allegati 1 e 2 del DPCM 11 marzo 2020 (ad esempio supermercati, punti vendita di generi alimentari, farmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie…)

Come presentare domanda

Per utilizzare il credito d’imposta in compensazione le imprese dovranno presentare richiesta attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, inserendo il codice tributo 6914, denominato “Credito d’imposta canoni di locazione botteghe e negozi – articolo 65 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18”.

Nella compilazione del modello F24, tale codice tributo si trova nella sezione “Erario”, colonna “importi a credito compensati”. Nel caso in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, il codice si troverà invece nella colonna “importi a debito versati”.

Fai richiesta con CNA

I professionisti di CNA Veneto Ovest sono a disposizione delle imprese, per supportarle nella compilazione dei modelli F24 e nell’ottenimento dello sconto del 60% sui canoni di affitto di marzo (se l’attività rientra in quelle beneficiarie previste dal provvedimento).

Pietro Bianco

Il Responsabile Societario e Tributario

Condividilo sui social!