MENU
VENETO OVEST
Agroalimentare e Ristorazione

Bar e ristorazione, le richieste congiunte al Governo

Apertura senza proroghe, orari estesi, vaccini: CNA guida la linea unica delle associazioni datoriali

April 1, 2021
Area Sviluppo Mestieri Contattaci per saperne di più

Meno intermittenza nella gestione delle riaperture, maggiori certezze nell’organizzazione del piano vaccinale per le categorie economiche e una estensione dell’orario di lavoro già al primo ritorno in zona gialla. È quanto chiedono i titolari di ristoranti e bar di tutta Italia, secondo il documento congiunto elaborato da CNA e dalle altre associazioni datoriali presentato proprio nelle scorse ore a Ministro della Salute, Ministro dello Sviluppo Economico, Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Presidente della Commissione Agricoltura, Presidente della Commissione Industria, Presidente della Conferenza delle Regioni e Comitato Tecnico Scientifico. 

 

La relazione parte da un’analisi sullo stato di salute del comparto, evidenziando che per molte attività del settore - in particolare quelle legate a eventi e cerimonie – la mancanza di prospettive sta mettendo a rischio l’intero fatturato per il secondo anno consecutivo a prescindere dall’evoluzione sanitaria che avrà la pandemia nei prossimi mesi. 

 

«Più della chiusura – osserva Mirco Froncolati, Presidente Agroalimentare e Ristorazione CNA Veneto Ovest e Presidente regionale per la categoria – ci sta penalizzando la mancanza di una visione nel medio termine almeno plausibile. Oltre a non lavorare oggi, gli imprenditori faticano anche a prendere prenotazioni per i mesi a venire, non sapendo se riusciranno a far fede agli impegni. E questo a catena ha ripercussioni sulle assunzioni, sugli acquisti e sugli investimenti in generale». 

 

La richiesta prioritaria al governo è una sola: valutare con il nuovo Dpcm la possibilità di definire una data di riapertura in sicurezza delle attività di bar e ristorazione senza ulteriori proroghe. In parallelo, l’invito è a pensare a un’estensione degli orari di attività già al primo ritorno in zona gialla, con apertura consentita dalle 5 alle 23 (e conseguente riduzione del periodo di coprifuoco).  

 

«E poi ci accodiamo alle richieste di tutti – conclude Froncolati – per una definizione più ordinata dei tempi nel piano vaccini. Superate le fasce prioritarie e le categorie professionali essenziali, va considerato di dare priorità ai settori della ristorazione e del commercio, cioè quelli con maggiori flussi di contatto con la popolazione. In questo modo, oltre a diventare sicuri come luoghi di lavoro per il nostro personale, possiamo dare alle persone la possibilità di tornare a muoversi nel tempo libero, garantendo degli spazi con un implemento di sicurezza rispetto alle precauzioni che già fanno parte della nostra quotidianità e restituendo un senso di normalità che agevolerà, sia dal punto di vista epidemiologico che psicologico, il percorso delle riaperture».



Foto Freepik

Area Sviluppo Mestieri Contattaci per saperne di più

Condividilo nei social!