MENU
VENETO OVEST
ebav

Ebav e Sani.in.Veneto, sostegni estesi al 2021

Prorogate tutte le prestazioni per imprese e lavoratori per far fronte all'emergenza Covid

February 10, 2021
Emanuela Carli Responsabile Area Lavoro e Capitale Umano

Contributi Ebav e Sani.in.Veneto, CNA ha siglato con le altre sigle datoriali e sindacali l'accordo di proroga per il 2021 delle prestazioni che consentiranno a imprese e lavoratori di far fronte alle difficoltà connesse al perdurare della pandemia.


Oltre a confermare tutte le linee di sostegno già attive, sarà possibile contare su qualche mese in più sia per concludere l'invio delle domande afferenti al 2020, sia per avanzare nuove domande.


Di seguito segnaliamo le informazioni più importanti, e riportiamo l'elenco delle misure disponibili, ricordando che per qualsiasi dubbio sono a disposizione i nostri consulenti (lavoro@cnavenetovest.it, 0444 569 900).



Le nuove scadenze


Il rinnovo dell'accordo prevede nel dettaglio:


  • la proroga al 30 aprile 2021 della presentazione delle domande per il 2020
  • la possibilità di presentare le domande per eventi che si verificano dal 01/01/2021 al 30/06/2021 fino al 31 ottobre 2021



Come fare domanda

 

  • Scarica il modulo per il contributo che ti interessa
  • Compilalo e firmalo
  • Recupera la documentazione che certifica in modo chiaro le spese sostenute (fatture, ricevute, ecc...)
  • Invia tutto al nostro sportello EBAV sportelloebav@cnavenetovest.it

 



Servizi per le imprese




SOSTEGNO ALLA LIQUIDITÀ (Codice A31 - A31 Covid-19)


Contributo a favore delle aziende artigiane per sostegno nell’accesso alle garanzie per nuovo finanziamenti (o incremento di linee esistenti) attivati con l’emergenza Covid-19. 

 

Rimborso pari al 100% (massimo di € 300 per azienda) delle spese di istruttoria della pratica, e del costo di eventuali commissioni per il rilascio delle garanzie su nuovi finanziamenti per il tramite di Confidi Artigiani. Non sono ammesse semplici operazioni di rinnovo di linee scadute.

 

Per informazioni rivolgersi a: credito@cnavenetovest.it

 


 


SOSTEGNO APPLICAZIONE PROTOCOLLI SICUREZZA (Codice A32)


Contributo alle aziende per l’applicazione dei protocolli e delle condizioni sicurezza aziendali anti-contagio Covid-19.

 

Rimborso del 100% delle spese sostenute con massimo di € 200 euro per aziende che hanno conferito mandato allo sportello territoriale COBIS gestito da CNA e conferito l’incarico per la gestione del protocollo sicurezza a CNA.

 

Rimborso del 50% delle spese sostenute con un massimo di € 100 euro per le altre aziende  

 

Per informazioni rivolgersi a: sicurezza@cnavenetovest.it

 

 


SOSTEGNO ATTIVITÀ DI SANIFICAZIONE (Codice A33)


Contributo alle aziende per le attività di sanificazione aziendale per anti-contagio Covid-19 esclusivamente in presenza di una persona con caso confermato di Covid-19 che abbia soggiornato nei luoghi di lavoro o utilizzato i veicoli di lavoro.

 

Rimborso del 50% con un massimo di € 200 euro dei costi sostenuti e documentati per attività di sanificazione di ambienti, strumenti e veicoli di lavoro (secondo le disposizioni della circolare del Ministero della salute prot. 5443 del 22.2.2020 e s.m.i.o, in alternativa, per l’acquisto di macchinari funzionali alle attività di sanificazione.

 

Per informazioni rivolgersi a: sicurezza@cnavenetovest.it

 

 


ULTERIORE SOSTEGNO APPLICAZIONE PROTOCOLLO SICUREZZA (Codice A34)


Il contributo prevede due linee:


  • per le imprese con titolare o dipendente assente perché in isolamento, in quarantena dopo un viaggio all'estero, classificato come soggetto fragile o con un figlio in isolamento da accudire.


  • per le imprese che hanno sostenuto acquisti di materiale non sanitario utile a combattere la diffusione del contagio. Qui l'elenco degli acquisti ammessi.


ELENCO MATERIALE RIMBORSATO


Nel primo caso il sostegno arriva fino ai 700 euro ad azienda, con una diaria di 8 euro in caso di assenza per un figlio in isolamento.


Nel secondo caso il contributo copre il 50% delle spese fino a un massimo di 500 euro.





INCENTIVI PER L'ATTIVAZIONE DEL LAVORO AGILE COVID-19 (Codice A35)


Contributo per le imprese che attivano il lavoro agile in forma semplificata. Il lavoro agile deve essere stato attivatoper un periodo minimo documentato non inferiore a 60 giornate.


Contributo di 250 euro per ogni lavoratore coinvolto






Servizi per i lavoratori




SOSTEGNO AL REDDITO EMERGENZA COVID 19 (Codice D31)


Misura a favore di lavoratori e lavoratrici iscritti Ebav sospesi a causa del Covid-19.


Contributo una tantum di 250 euro.




SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ COVID 19 (Codice D32)



Misura a favore dei lavoratori che devono conciliare la gestione dei figli in età scolastica con l’attività lavorativa.


250 euro per i lavoratori che individualmente avranno utilizzato almeno 10 giorni lavorativi di congedo straordinario emergenza Covid-19




SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE CON FIGLI IN DAD (Codice D33)


Misura a sostegno dei maggiori costi sostenuti dalle famiglie, di cui almeno un genitore è un lavoratore dipendente di un’impresa iscritta ad EBAV, per far fronte alla didattica on line anno scolastico 2019/2020.


100 euro a famiglia




INCENTIVI PER L'ATTIVAZIONE DEL LAVORO AGILE COVID-19 (Codice D35)


Misura a favore del lavoratore coinvolto nell’attivazione del lavoro agile in forma semplificata emergenza Covid-19


250 euro una tantum





Servizi Sani.in.Veneto



 

Rimane ancora operativa naturalmente anche la linea di sostegno attivata da Sani.in.Veneto, che prevede il rimborso del 50% (max 30 euro a dipendente) per l’acquisto dei DPI e altri dispositivi (mascherine, guanti, occhiali, disinfettanti, etc).

 

VAI ALL'ARTICOLO >>

Emanuela Carli Responsabile Area Lavoro e Capitale Umano

Condividilo nei social!