Patronato EPASA-ITACO

Assegno Unico familiare, fai domanda con noi

Ottieni il bonus mensile che ti spetta per ogni figlio fino a 21 anni. Importo minimo di 50 euro, e fino a 175 in base al reddito. Anche senza Isee.

Daniela Egidi Direttrice Patronato Epasa-Itaco
assegno unico novità bonus famiglia

L’assegno unico e universale è un sostegno economico per le famiglie con figli a carico che viene attribuito a partire dal settimo mese di gravidanza e fino al 21º anno di età.

L’importo varia in base all’ISEE della famiglia e all’età dei figli a carico. È definito “unico” perché unifica e sostituisce una serie di misure a sostegno delle famiglie, e “universale” in quanto viene attribuito a tutte le famiglie con figli a carico residenti e domiciliate in Italia.


ISEE non obbligatoria

Chi non presenta l’ISEE avrà diritto a prescindere all’importo minimo, e potrà comunque presentarlo in un secondo momento.

Assegno Unico Familiare

Fai domanda con il nostro Patronato

A chi spetta

L’assegno unico spetta a tutti i nuclei familiari indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori (non occupati, disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi e pensionati) e senza limiti di reddito.

In particolare, spetta alle famiglie:

  • per ogni figlio minorenne a carico e, per i nuovi nati, a decorrere dal 7° mese di gravidanza
  • per ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni studente, tirocinante, lavoratore con reddito fino a 8000 euro, disoccupato registrato presso i centri per l'impiego o in stato di servizio civile
  • per ogni figlio con disabilità a carico per cui non sono previsti limiti di età.


A quanto ammonta

L’importo è variabile e viene determinato in base all’ISEE del nucleo familiare richiedente e all’età dei figli a carico. Sono previste maggiorazioni per casi specifici.

Per ciascun figlio minorenne, spettano:

  • 175 euro al mese con ISEE fino a 15mila euro,
  • da 175 a 50 euro con ISEE da 15mila a 40mila euro,
  • 50 euro con ISEE oltre 40mila euro.

Per ciascun figlio maggiorenne fino al compimento del 21esimo anno di età, spetta un assegno:

  • di 85 euro con ISEE fino a 15mila euro,
  • da 85 a 25 euro con ISEE da 15mila a 40mila euro,
  • di 25 euro con ISEE oltre 40mila euro.

Maggiorazioni

Sono previste maggiorazioni per:

  • ciascun figlio successivo al secondo;
  • figli non autosufficienti, con disabilità grave e media (anche se di età superiore ai 21 anni);
  • mamme con meno di 21 anni di età;
  • genitori entrambi titolari di reddito da lavoro;
  • nuclei familiari con Isee non superiore a 25.000 € (fino al 2024)


A partire dal terzo figlio:

  • maggiorazione di 85 euro con ISEE fino a 15mila euro,
  • maggiorazione da 85 a 15 euro con ISEE da 15mila a 40mila euro,
  • maggiorazione di 15 euro con ISEE oltre 40mila euro.

Dall’anno 2022, è riconosciuta una maggiorazione forfettaria per i nuclei familiari con quattro o più figli, pari a 100 euro mensili.


Maggiorazioni per figli disabili

Per ciascun figlio minorenne con disabilità è prevista una maggiorazione, in base alla disabilità e all’ISEE:

  • 105 euro al mese per non autosufficienza,
  • 95 euro al mese per disabilità grave,
  • 85 euro al mese per disabilità media.

Per ciascun figlio maggiorenne con disabilità è prevista una maggiorazione:

  • 80 euro al mese da 18 a 21 anni;
  • 85 euro al mese oltre i 21 anni, con ISEE fino a 15mila euro;
  • da 85 a 25 euro oltre i 21 anni, con ISEE tra 15mila e 40mila euro;
  • 25 euro con ISEE oltre i 21 anni, 40mila euro.

L’assegno rivolto ai figli disabili a carico viene corrisposto, senza maggiorazione, anche dopo il compimento del ventunesimo anno di età.

Ulteriori maggiorazioni

Per le madri di età inferiore a 21 anni è prevista una maggiorazione dell’importo dell’assegno pari a 20 euro mensili per figlio.


Genitori che lavorano (ex detrazioni fiscali)

Maggiorazione pari a 30 euro al mese per ciascun figlio se entrambi i genitori lavorano. Tale importo spetta in misura piena per un ISEE pari o inferiore a 15.000 euro, si riduce gradualmente fino ad azzerarsi oltre i 40mila euro.


Maggiorazione per i primi tre anni

Per consentire la graduale transizione alle nuove misure a sostegno dei figli a carico e di garantire il rispetto del principio di progressività, per i primi tre anni di applicazione dell’assegno unico, sarà istituita una maggiorazione di natura transitoria, su base mensile, dell’importo.

La maggiorazione sarà riconosciuta ai soggetti aventi diritto all’assegno e in presenza della contestuale presenza di due condizioni:

  • valore dell’ISEE del nucleo familiare di appartenenza del richiedente non superiore a 25.000 euro;
  • effettiva percezione, nel corso del 2021, dell’assegno per il nucleo familiare in presenza di figli minori da parte del richiedente o da parte di altro componente del nucleo familiare del richiedente.

La maggiorazione mensile è pari alla somma dell’ammontare mensile della componente familiare e dell’ammontare mensile della componente fiscale, al netto dell’ammontare mensile dell’assegno.

La maggiorazione mensile dell’assegno spetta:

a) per l’intero, nell’anno 2022, a decorrere dal 1° marzo 2022 fino al 28 febbraio 2023;

b) per un importo pari a 2/3, nell’anno 2023 (marzo febbraio 2024);

c) per un importo pari a 1/3 nell’anno 2024 e per i mesi di gennaio e febbraio nell’anno 2025.

CALCOLA QUANTO TI SPETTA

simulatore online

Assegno Unico Familiare

Fai domanda con il nostro Patronato

Bonus sostituiti dall’assegno unico

Con l’arrivo dell’assegno unico 2022 ai figli vengono abrogate una serie di altre misure di sostegno alla natalità.

Dal 1° gennaio 2022 vengono abrogati:

  • Premio alla nascita;
  • Fondo di sostegno alla natalità

Dal 1° marzo vengono abrogati:

  • Assegno Temporaneo (erogato fino a febbraio 2022)
  • Assegno dei Comuni ai nuclei familiari con almeno tre figli minori (erogato fino a febbraio 2022);
  • Assegno al Nucleo Familiari (ANF), limitatamente ai nuclei familiari con figli e orfanili (erogato fino a febbraio 2022);
  • detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni previste dall’articolo 12, commi 1, lettera c), e 1-bis, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 (erogate fino a febbraio 2022).

La prestazione non assorbe né limita gli importi del bonus asilo nido.


Come e quando si presenta la domanda

La domanda per il riconoscimento dell’assegno si può presentare a decorrere dal 1° gennaio, deve essere rinnovata ogni anno ed è riferita al periodo compreso tra marzo e il successivo febbraio.

La presentazione della domanda avviene in modalità telematica all’INPS facendo riferimento al nostro Patronato. Il beneficio spetta a decorrere dal mese di presentazione della domanda stessa.

Il sussidio viene accreditato al genitore che presenta la domanda oppure, su richiesta (anche successiva), viene ripartito tra i genitori in pari misura. In caso di affidamento esclusivo, in mancanza di accordo, l’assegna spetta al genitore affidatario. Nel caso di tutori, le istruzioni dell’INPS dovrebbero essere pubblicate entro un mese.

Il decreto prevede già che le domande presentate fino a giugno 2022 daranno diritto anche agli arretrati. In tal caso l’assegno è “riconosciuto a decorrere dal mese di marzo del medesimo anno”.

Le domande andranno rinnovate ogni anno, sulla base dell’ISEE aggiornato, o chiedendo l'importo minimo senza presentazione dell'ISEE.

La domanda di assegno unico e universale per i figli deve essere presentata dal genitore una volta sola per ogni anno di gestione e deve indicare tutti i figli per i quali si richiede il beneficio, con la possibilità di aggiungere ulteriori figli per le nuove nascite che dovessero verificarsi in corso d’anno e ferma restando la necessità di aggiornare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per gli eventi sopravvenuti.


Chiedi il nostro aiuto

 Se vuoi altre informazioni contatta i consulenti del nostro Patronato compilando i campi qui sotto.

Daniela Egidi
Daniela Egidi Direttrice Patronato Epasa-Itaco

Condividilo nei social!